CANALE YOUTUBE

venerdì 27 maggio 2016

News: disastro di Firenze Le fatture: da Publiacqua 82.325 euro a Dotmedia, in cui hanno interessi il cognato del premier e suo fratello




Fonte ilGiornale.it

 

 

 

 

 

 

Read the news in English

 

 

 

 

 

 



Le fatture tra il 2010 e il 2012 con Matteo sindaco: da Publiacqua 82.325 euro a Dotmedia, impresa dove hanno interessi il cognato del premier e suo fratello
 A ulteriore dimostrazione che l'azienda pubblico-privata, responsabile della voragine che mercoledì ha sfregiato il centro storico di Firenze, era il poltronificio renziano degli amici del «Giglio magico», spuntano una serie di fatture che Publiacqua ha pagato ad una società di comunicazione legata alla famiglia Renzi: 82.325 euro dal 2010 al 2012.



La storiella è un po' complicata per cui è necessario fare il riassunto delle puntate precedenti. La Eventi6, società di comunicazione e marketing della famiglia Renzi, ha avuto nel corso della sua attività un quarto socio al 20% (oltre alle sorelle di Matteo, Matilde e Benedetta che detengono il 36% ciascuna, e la madre Laura Bovoli l'8%): Alessandro Conticini fratello di Andrea Conticini, bolognese, laureato in teologia, marito di Matilde Renzi.
Andrea Conticini è, dunque, il cognato del premier, e di mestiere fa l'agente di commercio, sia per la Eventi6, sia per un'altra società che si chiama Dotmedia Srl di cui, nel febbraio del 2011, diventa socio al 20% proprio il fratello Alessandro, che compra le quote da Patrizio Donnini, amministratore della società fiorentina Web&Press (attiva nella campagna elettorale delle primarie di Renzi del 2012). La Dotmedia è anch'essa un'azienda di comunicazione nata nel 2008 che, nel suo primo anno di vita, quando Renzi era presidente della Provincia di Firenze, fattura appena 9mila euro all'anno. Dal 2009, con Renzi sindaco, le cose cambiano: arrivano le prime commesse dal Comune di Firenze e dalle sue partecipate tra le quali, appunto, Publiacqua. A Dotmedia viene affidata anche la gestione del portale matteorenzi.it (powered by Dotmedia) con responsabile Davide Bacarella, anche lui socio di Dotmedia al 10%. Un altro socio di Dotmedia al 20% è Matteo Spanò che con Renzi ha fatto il pieno di poltrone. Pure il sito della Eventi6 della famiglia Renzi fino a poco tempo fa era powered by Dotmedia, che segue le primarie del 2012, con il suo social media team composto da quattro persone, e la comunicazione di campagne promozionali e altri eventi legati al Comune di Firenze e a Renzi: la Leopolda del 2013 e la Notte tricolore del 2011.
Nel 2009 la Dotmedia inizia la sua scalata verso il successo: 137mila euro di fatturato, che diventano 214mila nel 2010 e 401mila nel 2011. Nel 2012, dopo l'ingresso di Alessandro Conticini, fratello del cognato di Renzi, Dotmedia incassa 16.800 euro dal Comune di Firenze: 13.226 euro il 20 aprile 2012 per la comunicazione di «Coltiviamo la riduzione dei rifiuti» e udite, udite, di «Fontanelli», il progetto del presidente di Publiacqua nominato da Renzi, Erasmo D'Angelis. Soldi sprecati e sottratti alla manutenzione della rete idrica di Firenze che oggi presenta il conto. Tra il 2010 e il 2012 le municipalizzate del Comune di Firenze hanno garantito a Dotmedia introiti per 215mila euro (compresi quelli dati da Publiacqua), che aggiunti ai soldi pagati dal Comune, arrivano a 232mila.
Anche Renzi ha il suo «Tulliani», che con gli altri amici del «Giglio magico» ha guadagnato con le campagne pubblicitarie per Publiacqua.

Nessun commento:

Posta un commento